Morso di zecca oppure puntura di zecca?

Le zecche appartengono alla classe degli aracnidi e si possono trovare principalmente nell’erba alta, nei cespugli o nel sottobosco. Al contrario di quanto si creda le zecche non saltano e non si lasciano cadere dagli alberi. Attendono infatti che l’ospite le sfiori per attaccarsi al suo corpo e trovare un luogo ideale per il loro morso. O si tratta di una puntura di zecca? Diamo finalmente una risposta a questo interrogativo, vi spieghiamo cosa succede al corpo e come potete rimuovere da soli una zecca.

Puntura di zanzara su una persona.

Informazioni principali sulla puntura di zecca

Anche se viene comunemente chiamato morso di zecca si tratta in realtà di una puntura. Il cosiddetto apparato pungente-succhiante della zecca è composta da due parti che sono costruite come delle forbici con le quali l’insetto riesce a tagliare la pelle. Inoltre le succhiasangue possiedono un ipostoma (proboscide) che permette loro di operare il morso o la puntura. Per non rischiare di precipitare dall’ospite, l’apparato boccale dell’animale è fornito di un rostro (piccolo uncino) grazie al qual riesce ad ancorarsi.

Cosa avviene durante la puntura di zecca

Dopo aver conficcato il suo ipostoma – che è molto più grande della proboscide di una zanzara – l’insetto comincia a succhiare il sangue. Come mai non si avverte il “morso di zecca“? Le zecche iniettano diverse sostanze per anestetizzare la pelle dove avviene la puntura e per impedire al sangue di coagularsi. Vengono inoltre prodotto delle sostanze antinfiammatorie per cui la puntura di zecca non viene percepita e crea i presupposti affinché l’animale possa nutrirsi in pace. Vicino al rostro viene prodotta anche una specie di “colla” che la zecca secerne per garantirsi l’ancoraggio e che ne evita la caduta.

Queste sono le zone del corpo predilette

La zecca può metterci giorni prima di essersi sfamata e poi staccarsi dall’ospite. Per evitare di correre il rischio di essere strapatta, la zecca sceglie le zone protette del corpo. Le zone più adatte per una puntura di zecca sono:

  • la testa (attaccatura dei capelli)
  • le zone genitali
  • le ascelle
  • le cavità del ginocchio
  • il collo

La zecca ispeziona il corpo dell’ospite a dovere finché non riesce a trovare la zona migliore e più sicura. Per questo è altamente consigliato controllare la presenza di zecche sul proprio corpo dopo una giornata nella natura o nell’erba alta. Se non è ancora avvenuto il “morso di zecca“, l’animale può essere rimosso attraverso una semplice doccia.

Come avviene la scelta dell’ospite per il „morso di zecca“?

Contrariamente a quanto accade per alcune specie di zanzara che trasmettono la febbre gialla dove vengono scelte le persone con un’alta concentrazione di acido lattico, le zecche non cercano un ospite particolare. Le zecche si appostano nell’erba alta e aspettano che una persona o un animale passi e le sfiori. Chi passa molto tempo nella natura (per esempio in giardino, in campeggio o facendo escursioni), soprattutto dove ci sono erba alta o cespugli, ha più possibilità di subire una puntura di zecca.

Ecco come rimuovere una zecca

Le zecche infette sono in grado di trasmettere gli agenti patogeni durante la puntura. I batteri che causano la borreliosi non vengono per esempio rilasciati subito dopo la puntura. Questi si trovano nell’intestino della zecca e si attivano appena la zecca ha succhiato abbastanza sangue. La procedura d’infezione è di lunga durata. Per questo motivo è importante rimuovere una zecca – e farlo il prima possibile. Così si possono evitare malattie peggiori.

Se volevete rimuovere da soli la zecca esistono strumenti appositi come le carte da zecca, pinzette e altri metodi:

  • Afferrate la zecca per il suo apparato boccale (molto vicino alla superficie della pelle) e mai per il suo corpo.
  • Estraete la zecca lentamente e perpendicolarmente alla pelle. Evitate ogni torsione per non fare staccare la testa dell’animale dal corpo. Nel caso in cui alcune parti della zecca dovessero rimanere nella pelle non vi è da preoccuparsi! Queste parti vengono espulse dal corpo.
  • Successivamente è consigliato disinfettare la parte di pelle del morso di zecca per evitare infezioni.
Istruzioni per l'uso di  ANTI-BRUMM® Test Zecche

Anche se non avete a portata di mano gli strumenti adatti a rimuovere la zecca e nemmeno del disinfettante, è importante rimuovere la zecca il prima possibile. Cercate di estrarre la zecca usando le unghie delle mani (non schiacciatela!) e tiratela perpendicolarmente rispetto alla pelle. Infine pulite e disinfettate la zona della puntura. È sconsigliato l’uso di olio e affini perché rischia di soffocare la zecca e farla irritare. Questo potrebbe causare la tramissione degli agenti patogeni nel sistema circolatorio. In caso aveste domande potete rivolgervi al vostro farmacista o contattare la Lega svizzera die malati vittime delle zecche

Potrebbe interessarvi anche: